giovedì 14 ottobre 2010

Se Sant’Antonio lo avesse saputo

 

Stanca. Ero stanca, ieri. Ricevo una mail e con leggerezza la condivido. Una catena. Cose di sensibilizzazione. Argomento serio ma metodo altamente discutibile. Resta che probabilmente l’ottanta per cento di chi aderisce lo fa con il sorriso. E via, discutiamo anche di questo. La pochezza, la monnezza, i generi (maschile e femminile), le ragioni, la memoria. Maschi che scodinzolano fastidio per come le femmine si muovono nei social networks, femmine che scodinzolano il proprio esser donna e non oggetto, persone che si perdono in un bicchier d’acqua e si incazzano. Nessuno che ascolti. Nessuno che dia alle cose il proprio nome. Tutti lì a far parte del gioco chiamandosi fuori dal gioco. Una cosa però l’ho imparata: mai più catene in vita mia. Anzi, ne ho imparate due: mai più catene web, ma le catene della macchina in macchina entro il 15 novembre. Se no multano. E di questi tempi ci manca pure la multa per le catene. Potrei ammazzarlo, il poliziotto barra vigile barra il malcapitato di turno. Buonanotte!

Technorati Tag: ,

banner secondo giveaway zelda[11] Ricordatevi di COMMENTARE. Il Giveaway é cosa buona e giusta.

1 commento: