giovedì 27 gennaio 2011

27 gennaio e dintorni

 

Vorrei iniziare un quaderno nuovo. Mi duole la testa. Sento martellii tremendi tormentarmi le tempie. Cose di materie che stanno dove non dovrebbero stare. E non credo si tratti della povera materia grigia. Sfumature di verde, piuttosto. Ma non entriamo nei dettagli. Ho fame di focaccia e prosciutto crudo. Ho fatto bollire dell'acqua e ci ho messo l'elisir delle sette erbe. Il pentolino rovente è nel centro del tavolo. Troverò in me la forza per ficcarmi un asciugamano sul capoccione e sfondarmi di parfumi? Oggi ho lavorato poco e male. E quel poco è stato doloroso, litigioso, stancante. Cerco sfumature di bellezza fra le note. Ogni giorno una canzone nuova. Qualcosa che mi consoli, mi culli, mi schiaffeggi, mi seduca. Ogni giorno una canzone nuova. E una frase, possibilmente. Ogni giorno una frase appuntata dove capita. Voglio proprio vedere dove andrò a finire con questo giro dell'oca dei bigliettini e degli appunti e dei segnalibri lasciati a dire segno in mezzo alle pagine del già letto, ri-letto, e poi ancora. Fosse anche da nessuna parte, arrivarci sarà stato bello. Bevo acqua bollente alle sette erbe. Devo aver sbagliato qualcosa...

Technorati Tag: ,,

5 commenti:

  1. Dv,
    a schiaffeggiare e sedurre sei tu
    scritto bellissimo
    "segnalibri lasciati a dire segno", poi...


    Mi piacerebbe sapere del titolo del tuo blog.
    perdona: sono nuova.
    certi passaggi me li son persi.

    RispondiElimina
  2. LeMieMadri: è un omaggio, alle donne della mia vita, quelle che porto nel sangue e che mi tengono la compagnia più vera, ancora oggi, pur non essendo più qui; a Nada Malanima, al suo racconto che mi ha toccato le ossa, alle sue storie che mi somigliano pur non somigliando a nessuno; alle dita della mano, quelle necessarie, che un sesso non ce l'hanno, come gli angeli, quelli che arrivano, ti salvano e non chiedono nulla in cambio.

    Grazie Veronica, per il tuo tempo :)

    RispondiElimina
  3. e grande fonte di ispirazione per me

    RispondiElimina
  4. che fortuna questa! incontrarsi nel purissimo caso e riconoscersi. che gran fortuna..

    RispondiElimina